Quando la Cina prende il raffreddore, l’economia mondiale si becca la polmonite.

polmonite
Una mappa basata sui dati di volo e sul tracciamento dei dati dei cellulari realizzata dai ricercatori dell’Università di Southampton mostra come le circa 60.000 persone che hanno lasciato Wuhan dopo l’inizio dell’epidemia di coronavirus prima che la città fosse bloccata, abbiano attraversato il globo.

Il coronavirus è un fenomeno globale, sia in termini epidemiologici che economici. I passati focolai di influenza virulenta nell’Asia orientale, come l’influenza aviaria, non hanno perturbato così gravemente l’economia globale, perché anche dieci o due anni fa il riemergere della Cina nell’economia mondiale era ancora incompleto.

Oggi la Cina rappresenta il 25% dei produttori mondiali e gli effetti del coronavirus sulle catene di fornitura globali potrebbero presto diventare evidenti. Con l’inasprirsi della circolazione delle merci fuori da Wuhan e dal resto della Cina e dell’Asia orientale, i componenti più vitali per l’uso nell’industria in altre parti del mondo scarseggeranno.

Le fabbriche di automobili che operano secondo i principi del just-in-time in Messico o in Svezia potrebbero trovarsi in gravi difficoltà se qualche vitale scheda elettronica o transponder cinese è bloccato su una nave container sottoposta a embargo dall’altra parte del mondo. Anche i consumatori occidentali ne subiranno le conseguenze, visto che anche aziende come Apple stanno esaurendo le loro scorte.

In termini di commercio globale, il virus difficilmente avrebbe potuto emergere in un momento più critico. Con la guerra commerciale USA-Cina che sta entrando in un periodo di fragile tregua, il virus sta già influenzando i volumi di spedizione, che alla fine avrà un effetto a catena sull’attività economica.

Nel mercato del petrolio il coronavirus è già stato definito come un evento di shock imprevedibile che scuote gravemente i settori quando non sono preparati ad affrontarlo. Il calo della domanda di petrolio dalla Cina si adatta perfettamente alla definizione, con i riverberi che si diffondono nelle economie del Golfo e oltre. La crisi bancaria del 2009 ha dimostrato quanto rapidamente le oscillazioni finanziarie possano attraversare i continenti e i mercati dei capitali.

Questi sono alcuni degli imprevisti effetti collaterali della globalizzazione.

Dagli operatori turistici delle crociere ai bar o ai commercianti di materie prime, gli effetti di un improvviso rallentamento della crescita in Cina si fanno sentire in tutto il mondo. Dopotutto, la Cina è già, per molti aspetti, la più grande economia del mondo.

Un secolo fa il mondo ha affrontato la prima pandemia globalizzata, l’influenza spagnola. Nonostante il nome, in realtà non ha avuto origine in Spagna (le sue origini sono controverse) ma si è diffusa rapidamente a causa degli sconvolgimenti della prima guerra mondiale. Con movimenti internazionali senza precedenti di truppe, spedizioni, civili e profughi, l’influenza si diffuse come nessun’altra piaga aveva mai fatto prima. Quando si placò verso la fine del 1920, contagiò circa 500 milioni di persone e ne uccise circa 50 milioni con un tasso di mortalità purtroppo molto alto.

La scienza medica ha fatto molta strada da allora, ma anche i moderni metodi di viaggio e di trasporto di massa. E’ quindi probabile che il coronavirus con la sua polmonite violenta, nonostante i migliori sforzi delle autorità, alla fine si farà vivo, purtroppo, su scala globale, proprio come l’influenza spagnola alla fine raggiunse anche le remote isole del Pacifico e l’Artico.

La risposta tardiva e segreta del governo cinese ha probabilmente dato al virus l’opportunità di muoversi prima che qualcuno si rendesse conto della sua gravità.

È un mondo in cui il cosiddetto vettore super-diffusore non è un qualsiasi viaggiatore sfortunato che si infetta con il coronavirus e lo trasmette inconsapevolmente ad amici, familiari e sconosciuti; il super-diffusore è in realtà l’economia globale con la rivoluzione nei trasporti che ha portato con sé.

Sembra esserci una certa convinzione che bloccando la Cina o l’Asia orientale si metta in quarantena il coronavirus in qualche modo. A parte l’impraticabilità di seguire una tale politica a tempo indeterminato, è probabilmente troppo tardi per impedire al virus di diventare globale ma, non è troppo presto perché le autorità sanitarie pubbliche comincino a fare piani di emergenza più ampi per quando il coronavirus raggiungerà i loro cittadini, come probabilmente accadrà.

Quando la Cina prende il raffreddore, l’economia mondiale si becca la polmonite.

www.facebook.com/adhocnewsitalia

www.adhocnews.it

www.youtube.com/watch?v=GU1KRQqzs5A