Mistero in Sicilia: trovati 98 kg di droga e 3 sub morti in pochi giorni. 

Tre sub trovati morti nelle ultime due settimane (l’ultimo mercoledì 15 gennaio) sulle coste siciliane. Da Tusa a Cefalù a Termini Imerese: tre persone morte, rimaste senza idendità.

E 98 chili di hashish recuperati sul litorale. Fatti che potrebbero avere un legame tra loro e, per fare luce sulla vicenda, si è svolto un vertice al Tribunale di Termini Imerese tra investigatori e i capi della procura di Termini. 

I quasi cento chili di hashish sono stati recuperati sulle spiagge di Castelvetrano, Cefalù, Messina e Ragusa e, secondo quanto ricostruito, è forte la possibilità che un’imbarcazione che trasportava droga sia affondata e i sub sarebbero morti nel tentativo di mettersi in salvo. I primi due cadaveri sui quali sono state effettuate autopsie sono di uomini.

Nel corso del vertice è stato deciso che i carabinieri batteranno la costa insieme agli uomini della capitaneria. Adoperati anche aerei della Marina militare.

Secondo gli investigatori, vi è anche la possibilità che i sub, utilizzando il Gps, siano stati utilizzati per recuperare i pacchi di droga che viaggiano ancorati con le reti nelle chiglie delle navi.