Aprirà i battenti il 9 marzo 2019 a Palazzo Strozzi la mostra Verrocchio, Il Maestro di Leonardo, con una sezione al Museo Nazionale del Bargello, e già fa parlare di sé.

Andrea del Verrocchio, Putto col delfino, 1470-75 circa, bronzo, cm 70,3×50,5×35, Firenze, Musei civici fiorentini – Museo di Palazzo Vecchio ph. Antonio Quattrone

Sì, perché l’opera di Verrocchio, Putto col delfino, voluta da Lorenzo De’ Medici si presenterà restaurata grazie alla Fondazione non profit Friends of Florence.

ph. Antonio Quattrone

“Ringrazio a nome di Friends of Florence – ha dichiarato la Presidente Simonetta Brandolini d’Adda – i nostri donatori Ellen e James Morton, che hanno reso possibile questo restauro e ringrazio il Comune di Firenze e la Fondazione Palazzo Strozzi per averci coinvolti nella salvaguardia e valorizzazione di un capolavoro così importante per la storia dell’arte e la cultura mondiali”.

ph. Antonio Quattrone

Il restauro iniziato nel mese di ottobre 2018, si concluderà proprio in occasione dell’apertura della mostra a Palazzo Strozzi.

ph. Antonio Quattrone

L’intervento è diretto da Serena Pini, curatrice del Museo di Palazzo Vecchio ed è affidato a Nicola Salvioli sotto l’Alta Sorveglianza di Jennifer Celani, funzionario per la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Firenze e Provincie di Pistoia e Prato. Primo restauro di tipo scientifico-conservativo mai stato effettuato su questo bronzo, nonostante il lungo tempo trascorso da quando l’opera venne dismessa dalla sua funzione di fontana e musealizzata alla fine degli anni Cinquanta del secolo scorso.

La superficie appariva offuscata da materiali residui di precedenti interventi di manutenzione e segni di antichi e vecchi restauri, alcuni dei quali compiuti con tecniche e sostanze aggressive.

L’intervento consiste innanzi tutto in una pulitura rispettosa e delicata con soluzioni acquose, alternate a specifici solventi, in modo da riportare in vista la superficie originale della statua bronzea. Ricca la campagna di indagini diagnostiche per approfondire la conoscenza della tecnica esecutiva del maestro di Leonardo da Vinci.

ph. Antonio Quattrone

Il fanciullo alato è in bilico sopra una calotta sferica e stringe tra le braccia un pesce guizzante.

Ispirato a modelli di epoca tardo romana e ai numerosi putti di Donatello e della sua cerchia, è considerata un’opera tarda di Verrocchio, databile nell’ottavo decennio del Quattrocento per la straordinaria resa del movimento che la figura acquisisce nello spazio che occupa e per la vitalità e la naturalezza che l’artista dimostra di aver maturato nel corso della sua carriera.

La mostra a Palazzo Strozzi e al Museo Nazionale del Bargello dal 9 marzo al 14 luglio 2019 sarà caratterizzata da straordinari capolavori di Andrea del Verrocchio, a confronto serrato con meravigliose opere di precursori, contemporanei e discepoli come Desiderio da Settignano, Domenico del Ghirlandaio, Sandro Botticelli, Pietro Perugino, Bartolomeo della Gatta, Lorenzo di Credi e Leonardo da Vinci di cui quest’anno si celebrano i cinquecento anni dalla morte.

E il Putto col delfino? Tornerà a nuovo splendore, opera capitale e modello di naturalezza…Spiritello con pesce!

Giovanna M. Carli, storica dell’arte, critica e giornalista pubblicista, è nata a Pisa, dove si è laureata cum laude in Lettere moderne con indirizzo storico-artistico. Vive sulle colline di Firenze, città in cui ha conseguito la specializzazione in Storia dell’arte col massimo dei voti e dove si è diplomata in archivistica, paleografia e diplomatica all’Archivio di Stato. Si è formata con Antonio Paolucci, Dora Liscia Bemporad, Mina Gregori, Antonio Pinelli  e ha collaborato e collabora con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e col Consiglio regionale della Toscana per progetti artistico-culturali nonché con Enti pubblici e Fondazioni sia in Italia che all'estero. Ha curato la trilogia di volumi Opere donate al Consiglio regionale della Toscana, e numerose mostre tra cui ricordiamo La camicia dei Mille: opere d’arte per Garibaldi nel bicentenario della nascita / The Red Shirt of the Mille: Works of Art for Garibaldi on the Bicentenary of his Birth, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica italiana. Ha all’attivo numerosi saggi e monografie d’arte ed oltre cento mostre. Ha poi contribuito a fondare la prestigiosa pinacoteca del Palazzo Pegaso, a Firenze. Ha collaborato con vari artisti, tra cui ricordiamo Igor Mitoraj, Giuliano Vangi, Antonio Possenti, Nano Campeggi, Jean-Michel Folon in mostre e progetti culturali di respiro internazionale.