Control è un videogioco “action” di ultima generazione ma con concetti già visti in passato: sparare, scappare e proteggersi . Se poi in aggiunta ci mettiamo un pò di potenziamenti di armi e mod vari di abilità, ecco che il minestrone “action” della 505 game è fatto. La storia vede il Federal Bureau of Control invaso da una misteriosa forma vivente parallela al nostro mondo: l’Hiss, che prende possesso del corpo umano e lo usa a suo scopo per diffondersi e per espandere all’interno del palazzo. La protagonista principale è però immune a questa malattia e si deve far strada a colpi di pistola tra le stanze del palazzo e tra realtà parallele in perfetto stile Matrix. Control è uno sparatutto in terza persona e ricorda molto Max Payne per le gesta .

La vasta mappa da esplorare è molto varia e grazie anche alle missioni secondarie il gioco scorre via veloce. Control mostra una grafica di ultima generazione molto semplice ma ogni oggetto si può spostare e soprattutto lanciare grazie anche all’abilità apposita che suggerisco di potenziare al massimo. Il livello di difficoltà è ben calibrato e possiamo arrivare in fondo alla storia principale con una discreta dose d’impegno ma senza faticare sette camicie. Control offre delle sessioni di sparatorie niente male e si fa apprezzare proprio grazie a questa miscela adrenalinica di fuggi e spara.

Di fronte a tutte queste caratteristiche positive non posso evidenziare come il soggetto è veramente assai complicato ed ho giocato a Control senza sapere minimamente come mai stavo facendo quei gesti e come mai il mio avatar si trovava li. Insomma sembra quasi che il soggetto e la trama principale del gioco sia stata inventata a caso per poter dare un senso logico a questo intreccio di universi paralleli. Control è un gioco piacevole ma soffre proprio il fatto di non avermi preso emotivamente e la trama è veramente poco convincente. Nel complessivo accettabile.

VOTO: 6