Secondo film del super eroe formica interpretato da Paul Rudd ed affiancato dal professore Michael Douglas e dalla sua figlia Evangeline Lilly. Il filone narrativo del film vede Ant man agli arresti domiciliari in seguito agli eventi di Los Angeles ( episodio degli Avengers ) mentre il professore sta cercando in tutti i modi di riportare nel mondo reale sua moglie che si era rimpicciolita così tanto da andare in un universo parallelo. A mettere i bastoni tra le ruote, un nuovo misterioso personaggio mascherato che ha il potere di passare attraverso i muri, la polizia e una banda di malavitosi intenti ad accaparrarsi la tecnologia del professore.

Ant man and the wasp non è allo stesso livello del primo film. Partiamo dal soggetto che non offre spunti di riflessione risultando molto scontato e banale, una scrittura che poteva essere sfruttata meglio per un personaggio come Ant man. Il ritmo della pellicola è molto altalenante, si passa da momenti “action”, dove gli effetti speciali fanno bella mostra di se, a fasi dove si dialoga molto con linguaggi troppo scientifici che poco appassionano lo spettatore. Tutti questi aspetti miniaturizzati e mondi paralleli sono troppo fantasiosi per una pellicola che fa del suo forte la “trasformazione” del personaggio. Divertenti le scene di Ant man che ha problemi con la tuta e spesso diventa gigante invece che minuscolo e questo porta ad immagini visive ben fatte e situazioni spesso molto comiche che un sorriso me lo hanno strappato. Questo secondo film non è inferiore tecnicamente, belle le scene di inseguimento stradale nelle fasi finali,  ma ciò non basta per poter consigliare la visione. Un personaggio divertente e fuori dai binari canonici dei super eroi ma ciò non basta per poterlo consigliare e giudicare positivamente. Insufficiente.

VOTO: 5


LE ULTIME RECENSIONI: