Dal 7 aprile al 30 settembre 2019, al Museo della Fondazione Scienza e Tecnica, in via Giusti 29, a Firenze, sono esposte le “Tele cerate” di Egisto Tortori, tavole parietali realizzate dall’ultimo ceroplasta de “La Specola” (1870-1876).

Si tratta, ed è la prima volta che vengono mostrate al pubblico, di 60 tavole parietali, realizzate da Egisto Tortori per l’Istituto Tecnico Toscano tra il 1870 e il 1876.

La mostra, a cura di Laura Faustini e Stefania Lotti, è stata resa possibile grazie al contributo dei Rotary Club Firenze Ovest e Firenze Sud e del Distretto 2071.

Le tavole di Egisto Tortori facevano parte della dotazione del Gabinetto di Storia Naturale dell’Istituto.

Si tratta di veri e propri stendardi, a contenuto naturalistico, di tela di canapa, inglobata in un film di cera nera, che raffigurano fiori, piante, invertebrati, parti anatomiche, reperti visti al microscopio e ancora vulcani, morene, fossili, dipinti con l’impiego di pigmenti in sospensione oleosa, stesi a pennellate cariche di colore.

Un corpus unico nel suo genere in uno straordinario binomio di Arte e Scienza dove l’intento estetico e quello didattico trovano una sintesi armonica e naturale, nella perfezione esecutiva delle immagini e nella fedeltà dei timbri cromatici.

Le tele sono le uniche opere eseguite con questa tecnica dall’Officina Ceroplastica, fondata nel 1771 presso l’Imperiale e Regio Museo di Fisica e Storia Naturale di Firenze conosciuto come “La Specola”, di cui Egisto Tortori (1829-1893) fu l’ultimo modellatore.

Figura di primo piano nell’arte della lavorazione della cera entra a quindici anni come apprendista nel laboratorio della “Specola”, sotto la guida di Luigi Calamai (1800-1851) dove acquisisce la padronanza e la competenza sufficienti da renderlo un ceroplasta di alto livello.

 

Donatella Lippi, Presidente della Fondazione, esprime così la propria soddisfazione: “da tempo in attesa di essere valorizzate e di poter esibire il loro nitore, le tele cerate del Museo della Fondazione Scienza e Tecnica sfoggiano lo splendore dei disegni e dei colori, che si stagliano sul fondo nero in un piacevole contrasto.

Con orgoglio, la Fondazione, depositaria di questo materiale, ne è custode, e, con grande senso di responsabilità, finalizza il suo impegno alla sua conservazione e valorizzazione.

Questa iniziativa rende, quindi, visibile un patrimonio di eccellenza, offrendolo a Studenti e Studiosi, Fiorentini e Stranieri, e valorizzando non solo il Museo della Fondazione, ma l’intera tradizione della didattica scientifica ottocentesca”.

La pubblicazione, a cura di Laura Faustini e Stefania Lotti, così come la mostra,  è edita da Nicomp Laboratorio Editoriale (Firenze) e propone, in una veste editoriale gradevolissima, il catalogo completo delle “tele cerate”, con immagini particolarmente suggestive.

La Fondazione Scienza e Tecnica custodisce le collezioni dell’Istituto Tecnico Toscano, fondato dal Granduca Leopoldo II nel 1850, per garantire una formazione di eccellenza alle giovani generazioni, che avrebbero formato la nuova classe dirigente.

Info allo 055 2343723 o scrivendo una mail a: iscrizioni@fstfirenze.it

 

 

Giovanna M. Carli, storica dell’arte, critica e giornalista pubblicista, è nata a Pisa, dove si è laureata cum laude in Lettere moderne con indirizzo storico-artistico. Vive sulle colline di Firenze, città in cui ha conseguito la specializzazione in Storia dell’arte col massimo dei voti e dove si è diplomata in archivistica, paleografia e diplomatica all’Archivio di Stato. Si è formata con Antonio Paolucci, Dora Liscia Bemporad, Mina Gregori, Antonio Pinelli  e ha collaborato e collabora con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e col Consiglio regionale della Toscana per progetti artistico-culturali nonché con Enti pubblici e Fondazioni sia in Italia che all'estero. Ha curato la trilogia di volumi Opere donate al Consiglio regionale della Toscana, e numerose mostre tra cui ricordiamo La camicia dei Mille: opere d’arte per Garibaldi nel bicentenario della nascita / The Red Shirt of the Mille: Works of Art for Garibaldi on the Bicentenary of his Birth, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica italiana. Ha all’attivo numerosi saggi e monografie d’arte ed oltre cento mostre. Ha poi contribuito a fondare la prestigiosa pinacoteca del Palazzo Pegaso, a Firenze. Ha collaborato con vari artisti, tra cui ricordiamo Igor Mitoraj, Giuliano Vangi, Antonio Possenti, Nano Campeggi, Jean-Michel Folon in mostre e progetti culturali di respiro internazionale.