L’attrice Gloria Cuminetti picchiata selvaggiamente in mezzo di strada a Torino. Senza motivo. Il marocchino è stato bloccato, anche grazie all’uso del taser, dai carabinieri. È stata colpita da un pugno così violento da finire a terra, praticamente svenuta. Diplomata al Teatro stabile di Torino e volto noto nel mondo del cinema e della tv. Il marocchino di 34 anni che camminava per strada urlando e dando segni di squilibrio.

Prima ha insultato e colpito una coppia, poi ha incontrato l’attrice e ha infierito contro di lei all’improvviso. Gloria Cuminetti ha chiamato i carabinieri, che nel giro di poco tempo sono riusciti a individuare Halim Ben Daoud, irregolare in Italia. L’uomo è stato violento anche con i carabinieri.

Ha aggredito anche i militari che sono stati costretti ad azionare il taser in dotazione e hanno sparato un colpo. Il giovane è stato portato all’ospedale San Giovanni Bosco ed è stato poi dimesso: era in stato di agitazione psicomotoria, forse anche per l’assunzione di droghe. L’attrice trentenne ha passato la notte in ospedale.

Nessuna condanna per ora è giunta dai sinistrati centrosocialari. Strano, eppure l’attrice si era schierata contro il disumano decreto Sicurezza in un recente post intitolato: “male limpido“. Dobbiamo accoglierli a braccia aperte, perchè scappano dalla guerra, ci sono tanti minori; che poi i “minori” siano calvi o con i capelli bianchi non è poi così importante. Chissà se adesso Gloria cambierà idea su chi ha cercato di cambiarle i connotati. Il post di oggi: “male bestia”.