La società scivola nella psicosi, quale capo migliore delle camicie di forza da indossare al mattino per andare al lavoro. Sulla passerella di Gucci scoppia la bufera. Non è passata inosservata la sfilata per la spring-summer 2020 della maison fiorentina che si è aperta con alcuni modelli con indosso camicioni molto simili a quelli usati negli ospedali psichiatrici.

Un’immagine forte, choc, che oltre ad aver spinto diversi utenti a chiedersi se le camicie di forza facessero parte delle nuova collezione, ha sollevato un polverone di polemiche costringendo la griffe a fare chiarezza: “Divise, abiti da lavoro e indumenti di costrizione, inclusa la camicia di forza, sono stati inseriti in apertura della sfilata Gucci Spring Summer 2020 come la versione più estrema di un’uniforme imposta dalla società e da coloro che la controllano – si legge in una nota diramata dall’azienda -. Questi abiti hanno avuto unicamente la funzione di veicolare un preciso messaggio e non faranno parte della collezione in vendita”.
 
 
“Presentandoli – prosegue la nota – Alessandro Michele ha voluto esprimere come, attraverso la moda, il potere viene esercitato sulla vita al fine di eliminare l’autoespressione. Un potere che, dettando le norme sociali, classifica e frena le identità personali”. “L’antidoto del direttore creativo di Gucci a questo concetto è rappresentato dagli 89 look della collezione Spring Summer 2020, che trasmettono il concetto di moda come strumento di esplorazione e autoespressione, coltivando la bellezza e rendendo la diversità sacrosanta” conclude la nota.