Food & Wine in progress: da sabato 30 novembre a domenica 1 dicembre alla stazione Leopolda di Firenze la V edizione della manifestazione che propone il meglio del Made in Tuscany enogastronomico.

L’evento, organizzato da Iron3 e promosso da Associazione Italiana Sommelier della Toscana (Ais), Unione Regionale Cuochi Toscani assieme a Confcommercio, Coldiretti e Camera di Commercio di Firenze, con il patrocinio della Regione Toscana non è soltanto una vetrina delle eccellenze toscane prodotte dalle più importanti aziende del territorio ma anche – e soprattutto! – un importante momento di confronto e sinergia delle professionalità del settore enogastronomico.

Due giorni quelli di Food & Wine in Progress in cui il grandissimo patrimonio qualitativo delle materie prime, l’alta professionalità dei nostri produttori, la creatività ed ancora il gusto, i profumi, i territori, i sapori si uniscono per raccontare tutta la forza del made in Tuscany enogastronomico. Tutti assieme, come sottolineato dalle parole del Vicepresidente del Consiglio Regionale Lucia De Robertis: “Si è capito che fare squadra, in accordo con le istituzioni e creando una filiera diretta tra prodotto agricolo e ristorazione, è il modo attraverso il quale la Toscana può offrire il meglio di sé“.

“Il vero motore propulsore di questa manifestazione è l’aver saputo collaborare e fare squadra per perseguire un obiettivo comune. La diversità, soprattutto di prospettiva rispetto a certi temi, è stata in realtà la vera motivazione che ci ha portati ad avere questo proficuo e continuativo confronto, che si mantiene attivo giorno dopo giorno e a cui ci ispiriamo per costruire progetti condivisi tra queste due realtà strettamente interconnesse tra loro che ogni giorno di più si trovano a lavorare a fianco e ad esaltarsi reciprocamente“, – ha dichiarato il Presidente di AIS Toscana, Cristiano Cini. “I feedback che raccogliamo ogni anno in questa occasione, sia dal pubblico che a livello dei contenuti affrontati, sono importanti, a conferma che tale binomio, nato con la finalità di promuovere le produzioni enologiche ed agroalimentari della Toscana, si è sviluppato nel tempo, andando a stimolare la cultura e la conoscenza di un contesto sempre ‘in progress’“.

Un concept unico nel suo genere insomma, dove l’unione di Enti, Consorzi ed Associazioni è il vero e proprio punto di forza di una manifestazione cresciuta negli anni, che negli anni ha saputo imporsi per centralità della propria proposta. “In questi anni Food & Wine è diventato un punto di riferimento d’eccellenza per la ristorazione, il vino e la produzione agricola ed enogastronomica e rappresenta un’immagine straordinaria per proiettare la Toscana nel mondo“, ha dichiarato il Presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani durante la conferenza stampa di presentazione tenutasi a Firenze a Palazzo del Pegaso nei giorni scorsi.

Uno show cooking nell'edizione 2018 di Food&Wine in Progress
Uno show cooking a tema “Chianina” nell’edizione 2018 di Food&Wine in Progress alla Stazione Leopolda di Firenze

Il ricco programma di Food & Wine in progress 2019

Moltissimi gli appuntamenti in calendario nella due giorni di Food & Wine in progress 2019: dagli show-cooking alle degustazioni di vini e piatti a cura degli chef dell’Unione Regionale Cuochi Toscani, fino a presentazioni di libri tra cui il nuovissimo “Manuale di Gatrosofia e felicità alimentare” di Alex Revelli Sorini e Susanna Cutini che si propone come “nuovo” approccio alla Gastrosofia, materia dove si incontrano storia, antropologia, scienza della nutrizione, arti culinarie, fisiologia del gusto e degustazione; ed infine i numerosi incontri con personalità del settore enogastronomico e non solo. A margine di tutto questo l’esposizione delle eccellenze agroalimentari e – soprattutto – la vetrina dei vini, con oltre 1.000 etichette dei 140 produttori recentemente premiati con le Quattro Viti nella Guida AIS Vitae 2020, affiancati dai vini ospiti della Regione Basilicata e dell’Isola di Madeira, ai quali saranno dedicati tre delle quattro masterclass in programma. Spazio anche alle “nuove” tecniche di vinificazione con una lezione dedicata ai vini in anfora tenuta dall’enologo Francesco Bartoletti ed una degustazione sperimentale per sordi realizzata in collaborazione con docenti LIS, in programma domenica 1 dicembre dalle 14.00 alle 15.00: un’esperienza sensoriale unica, attraverso la quale l’assaggio si trasformerà in una emozione da vivere attraverso tutti i sensi.

 

Confermate a le sessioni gratuite di AIS Wine School e dell’AIS Oil School a cura del Consorzio per la tutela dell’Olio Toscano IGP, condotte da un Sommelier Ais. A queste per la prima volta si affiancherà l’AIS Beer School, minicorso gratuito di introduzione alla degustazione della birra previsto per le 11.30 di domenica 1 dicembre. Confermati anche i consueti appuntamenti con i Wine Tutor e gli Oil Tutor: percorsi degustativi gratuiti fra i banchi d’assaggio di Olio EVO e vino. I sommelier di AIS Toscana divideranno quindi il palco con gli chef di URCT, fornendo suggerimenti sugli abbinamenti enologici con i piatti preparati ai quali quest’anno si affiancheranno anche i consigli sull’Olio migliore da affiancare alla ricetta.

Protagonista di questa edizione 2019 di Food & Wine in progress anche Confcommercio Toscana con i macellai di Federcarni ed i professionisti dell’Associazione Ristoratori Fiorentini. Durante la V edizione di Food & Wine in Progress verrà infatti presentato il progetto “La Casa dell’Eccellenza Toscana” il cui filo conduttore è la valorizzazione delle eccellenze a filiera corta: il prodotto agricolo arriva direttamente nella cucina del ristorante per proporre alla clientela un piatto che è espressione ed assieme anche patrimonio di un territorio. Proprio allo scopo di stringere sempre di più questo rapporto tra produttore e ristoratore, nell’ambito della due-giorni Confcommercio organizzerà, in collaborazione con Coldiretti, gli Stati generali della ristorazione: momento di confronto e riflessione allo scopo di fare il punto su quanto la ristorazione può fare per valorizzare il prodotto agroalimentare locale, con l’obiettivo di favorire l’incontro fra domanda ed offerta di questi prodotti. Un primo passo verso la “ristorazione di filiera” per valorizzare il lavoro degli agricoltori ed assieme offire al consumatore una cucina di alta qualità sempre più sostenibile, attenta ai valori del territorio, alla tradizione ed all’ambiente. 

Un racconto costante quello dell’eccellenza e della territorialità cui parteciperanno anche le aziende aderenti al circuito Coldiretti – Campagna Amica che con la loro presenza fisica testimonieranno come quotidianamente si cura il territorio e si producono materie prime per ottenere eccellenze enogastronomiche made in Tuscany: carne, miele, formaggi, olio, vino e tanti altri prodotti capaci di rivelare la Toscana più autentica e virtuosa. Quella che merita un posto di rilievo in Italia e nel mondo.

A chiusura dell’evento, come di consueto, le premiazioni delle eccellenze toscane e nazionali: quella dell’AIS Wine Contest cui seguiranno quelle di Food & Wine in Progress 2019 per le categorie Wine e Food e la consegna del riconoscimento di Ambasciatore della Cucina Italiana FIC ma anche – da non perdere – l’interessante appuntamento con il turismo enogastronomico col convegno dal titolo “In viaggio per cibo e per vino: trend e tendenze del turismo enogastronomico” con la Prof.ssa Roberta Garibaldi docente universitaria ed esperta di turismo enogastronomico, scrittrice di numerose pubblicazioni sul tema nonchè principale autrice dell’importante Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2019.

Programma completo su: http://www.foodandwineinprogress.cloud/programma