Lo stravagante nome di questa strada prende origine dall’esistenza di alcuni orti in epoca medievale dove veniva coltivato ogni genere di ortaggi e verdure che venivano vendute direttamente alla gente.

Nelle calde serate estive i succulenti cocomeri erano messi a refrigerare in grandi tinozze di legno ricolme di acqua fredda per poi venire tagliati a fette e venduti ai cittadini. Per questo motivo al popolo del quartiere venne naturale attribuire a quella strada il nome di via del Cocomero e con lo stesso nome venne chiamato anche uno dei più antichi teatri della città che si trovava proprio su quella via: il Teatro del Cocomero.

Solo dopo il 1847 il nome cambiò in via Ricasoli (e il teatro in “Niccolini”) in quanto in questa strada sorgeva il palazzo di Bettino Ricasoli, l’illustre e leggendario uomo politico fiorentino.