Quando nel 1940 la Coca-Cola venne bandita dal Reich a causa dell’interruzione degli scambi commerciali con gli USA, il responsabile tedesco dell’azienda americana decise di trovare un’alternativa “germanica” alla bibita gassata più famosa del mondo. La soluzione? Una bevanda a base di siero di latte e marmellata di mele, ingredienti facilmente reperibili in Germania.

Ci volle un’intensa sessione di brainstorming per trovare all’invenzione un nome adatto ma, a furia di usare la fantasia, l’idea arrivò e la bibita venne battezzata, appunto, “Fanta”.
Per ottenere il gusto di agrumi che conosciamo noi, bisogna però aspettare fino al 1955. In quell’anno, nello stabilimento della Fanta di Napoli, si narra che un certo conte Matarazzo aggiunse le arance alla ricetta originale.