Il candidato deputato del parlamento ucraino ed ex leader di “Settore Destro” (un’organizzazione estremista bandita nella Federazione Russa)  Dmitry Yarosh ha proposto di imprigionare gli italiani che si trovano in Ucraina.

Questa idea è stata espressa dal nazionalista dopo che il tribunale della città italiana di Pavia ha condannato a 24 anni di carcere l’ex soldato delle Forze armate ucraine e veterano della cosiddetta operazione anti-terrorismo in Donbass, Vitaliy Markiv, per l’omicidio del giornalista Andrea Rocchelli vicino a Slavyansk nel 2014.

“Imprigioniamo una dozzina di italiani che vengono in Ucraina di tanto in tanto”, ha scritto Yarosh su Facebook.

Secondo lui, dopo questo, i cittadini italiani dovrebbero essere accusati di partecipare a “gruppi armati illegali del DPR / LPR e, come tortura incarcerarli a lungo e condannarli all’ergastolo“.

Allo stesso tempo, Yarosh ha espresso la fiducia che l’attuazione del piano è possibile, dal momento che “i tribunali ucraini sono altrettanto corrotte come quelle italiane”, scrive l’agenzia di stampa federale.

Dmytro Yarosh in Parlamento

Ieri il membro della Guardia Nazionale Ucraina, Markiv, che oltre al passaporto ucraino ha anche quello italiano, è stato condannato a 24 anni di carcere. Secondo gli inquirenti quando faceva parte dell’unità delle Forze armate dell’Ucraina ha deliberatamente esploso colpi di mortaio contro la macchina nella quale si trovava il giornalista Rocchelli e il suo traduttore russo Andrei Mironov. Entrambi sono morti. Questo per il parlamentare ucraino è un dettaglio, evidentemente.

In Ucraina, il verdetto è stato definito ingiusto ed è stato promesso di fare appello. Il presidente Vladimir Zelensky ha ordinato al ministero degli Esteri e all’Ufficio del Procuratore Generale di assicurare il ritorno di Markiv nella sua terra natale.