Suor Marchetta, potremmo chiamare così la 29enne Yudi Pineda che è passata dalla clausura al porno, in un attimo. Dopo 11 anni in convento, la colombiana ha deciso di cambiare vita e darsi ai film per adulti. Ospite di Barbara D’Urso, Yudi Pineda ha raccontato la sua storia: «Sono nata in una famiglia molto povera, dovevo camminare molte ore per arrivare a scuola, così a 11 anni sono entrata in convento. Ci sono rimasta otto anni». Ma tutto è cambiato dopo un incontro, che l’ha spinta a lasciare la vita religiosa: «Mi sono innamorata di un sacerdote che ha corrisposto il mio sentimento».

Nel salottino di Non è la D’Urso, la neo-attrice pornografica è stata duramente criticata, soprattutto da Alda D’Eusanio. Yudi Pineda ha però assicurato che, a dispetto di quanto si possa pensare, è ancora molto credente: «Nonostante il mio lavoro, credo pienamente in Dio e la mia fede è sempre più forte». Yudi ha comunque mantenuto un certo legame con il vestito che ha indossato per tanti anni, visto che nei porno nei pochi istanti in cui è vestita calza la tonaca.

L’abito non fa la monaca.

Leggi anchehttps://www.adhocnews.it/dieci-anni-in-convento-per-diventare-suora-poi-cambia-idea-e-diventa-una-pornostar/