La ventesima giornata di Serie A, la prima del girone di ritorno, ha regalato poche novità sia ai piani alti della classifica, sia nei bassi fondi. Nel più classico “calcio spezzatino” che ormai siamo abituati ad assistere, la giornata è iniziata sabato con i tre anticipi nei quali la Roma ha battuto il Torino in una gara dai tanti colpi di scena. Giallorossi subito in vantaggio nel primo tempo prima con Zaniolo, bravissimo a raccogliere  da terra una palla sporca in area di rigore e scaraventarla in porta con un bolide di sinistro, e poi con Kolarov su rigore, dopo l’uscita fallosa di Sirigu su El Sharawyi. Il Torino non ci sta e nel secondo tempo cambia registro portandosi in maniera massiccia nella metà campo giallorossa accorciando prima il risultato con Rincon, grazie a un destro velenoso da fuori area, e pareggiando i conti poi con Ansaldi, abile a trafiggere Olsen con un chirurgico sinistro dal limite dell’area. Inaspettatamente, nel momento più delicato della Roma, i giallorossi trovano l’inaspettato vantaggio con El Sharawyi, su imbeccata di Pellegrini in area. Tre punti pesanti per la Roma che la rimettono in carreggiata per la corsa Champions.

Nell’altro anticipo il Parma vince in trasferta a Udine grazie alle sue punte di diamante: Inglese e Gervinho. Per L’Udinese non basta il momentaneo pareggio del neo arrivato Okaka. Friulani ora a 4 punti dalla serie B.

Passo falso invece dell’Inter che non va oltre il pareggio per zero a zero in casa contro il Sassuolo. La banda Spalletti priva di carattere e incisività rischia di crollare contro i neroverdi emiliani e devono ringraziare Handanovic , autore di almeno 3 parate decisive. 

Allunga sull’Inter il Napoli, autore di una prova magistrale in casa contro la Lazio. Partita senza storia dove i partenopei dominano in lungo e in largo imponendosi per 2-1 grazie ai gol di Callejon e Milik. Il punteggio però poteva essere di gran lunga più largo visto i 4 pali presi dagli azzurri. Per la Lazio il gol della bandiera porta la firma di Ciro Immobile.

Vittoria anche per l’Atalanta, che si candida anche quest’anno a vera sorpresa del campionato, dilagando con un tennistico 5 a 0 in casa del Frosinone. Poker di Duvan Zapata, e gol del difensore Mancini e bergamaschi ora a -3 dal quarto posto.

Chi per adesso detiene l’ultimo posto Champions è il Milan che espugna il Marassi per 2 a 0 contro il Genoa. Partita di sostanza per gli uomini di Gattuso che, anche con numerose assenze, su tutti quella di Higuin promesso sposo al Chelsea, riesce a trovare  la via della rete con Borini e Suso.

Concludono il tabellino i pareggi di Cagliari-Empoli per 2-2; Fiorentina-Sampdoria 3-3 e Bologna-Spal per 1-1.