Scontri tra la Polizia e i manifestanti del presidio antifascista a Genova in piazza Corvetto. Gli agenti, in assetto antisommossa, hanno caricato più volte di fronte e di lato i partecipanti. Due persone sono state fermate.
Gli scontri sono partiti quando da una frangia di antagonisti un gruppo diretto verso il cordone di polizia a presidio di piazza Marsala, dov’è in corso un evento di chiusura di campagna elettorale di CasaPound, ha iniziato una sassaiola, lancio di bottiglie fumogeni e oggetti per forzare il blocco. All’aggressione ha risposto la polizia con lancio di lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Ad una seconda sassaiola, questa volta sul cordone di via Assarotti, sono partite diverse cariche della polizia verso la zona di via Serra e sotto i giardini dell’Acquasola. 

Negli scontri è rimasto ferito un giornalista genovese di Repubblica. Il cronista, che ha riportato ferite alle mani e al torace, ha dichiarato di essere un giornalista ma è stato colpito dagli agenti. E stato portato via in ambulanza.
 
Siamo alle solite. Il fascismo non esiste più, questi sono solo dei delinquenti.