Napoli è diventata una terra senza legge. Ennesimo atto di ferocia – raccontato da il Giornale –  di un africano contro un cittadino italiano: solo l’intervento della polizia nella centralissima piazza Garibaldi di Napoli ha evitato una brutta fine a un 50enne italiano, di professione ambulante, che era intervenuto in difesa di una ragazza rapinata da un gambiano 30enne.

La ragazza, grazie all’intervento del 50enne, è riuscita a fuggire, ma il criminale gambiano se la è presa con l’italiano massacrandolo di botte, utilizzando anche una bottiglia rotta con la quale gli ha ferito il viso. Gli agenti, dopo una collutazione, sono riusciti a fermare l’africano e ad arrestarlo.

A quanto risulta dalle testimonianze, nelle vicinanze della stazione il gambiano aveva aggredito la ragazza alle spalle per rubarle il cellulare, ma il furto è stato impedito dal 50enne italiano intervenuto in difesa della ragazza. Adesso il gambiano deve rispondere di tentata rapina, tentato omicidio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Chissà quante di queste accuse rimarranno in piedi.