Cosa vedere: Il cuore del centro storico di Praga è la Piazza della Città Vecchia, magnificamente restaurata e buon punto di partenza per iniziare a visitare la città. Qui troverete le guglie gotiche della Chiesa del Týnche si ergono sopra la piazza, la statua del riformatore Jan Hus e, sul lato opposto, l’orologio astronomico sul Municipio della Città Vecchia. Chi si arriva alla cima della torre del Municipio può godere di una magnifica vista della piazza ed oltre.

Non lontano dalla Piazza della Città Vecchia c’è il Quartiere Ebraico: conviene visitarlo in combinazione con il tour di Staré město. Il Museo ebraico amministra i seguenti luoghi: la Maislova synagoga, la Pinkasova synagoga, la sinagoga spagnola, il vecchio cimitero ebraico, la Klausova synagoga e la Sala Cerimonie. La sinagoga vecchia è la più antica sinagoga funzionante dell’Europa centrale.

La ricca eredita culturale di Praga e delle terre ceche può essere ammirata anche nei molti musei e gallerie della città. Le numerose esposizioni della Galleria Nazionale, della Galleria Municipale, del Museo Nazionale e di altre istituzioni contengono ampie collezioni d’arte di ogni stile ed epoca, spaziando dalle belle arti alle arti applicate alla scultura e ricoprendo un periodo di oltre due millenni.

Quando si arriva a Praga non può mancare una passeggiata sul Ponte Carlo, soprattutto se fatta durante la notte, per godere della splendida vista del Castello illuminato. Durante il giorno è possibile salire sulle torri che si trovano sui lati del Ponte. Da visitare in particolare, la torre sul lato della Città Vecchia.

Tra i tanti Musei di Praga non si può dimenticare:

– il Museo Nazionale: che racconta la preistoria di Boemia, Moravia e Slovacchia, contiene una collezione di rocce e minerali e settori di paleontologia, zoologia, antropologia

– Lapidarium: sculture in pietra ceche del periodo compreso tra l’11 e il 19 secolo, comprese quelle originali provenienti dal Ponte Carlo

– Museo Antonìn Dvorak, che racconta Vita ed opere di questo compositore  

– Museo Bedrich Smetana, che racconta vita ed opere di questo compositore

– Museo di arti decorative: espone tessuti, moda, grafica applicata, fotografia, vetro, ceramiche, metallo e tanto altro

– Museo della Città di Praga: racconta la storia della città, dalla preistoria all’epoca moderna. Qui si trova il modello tridimensionale di Praga, realizzato nella prima meta del XIX secolo da Langweil, realizzato in carta e legno e on una dimensione di circa 20 metri quadri.

– Museo nazionale della Tecnica: comprende otto esposizioni permanenti che includono tecniche per la misura del tempo, mezzi di trasporto (treni, auto d’epoca ed aerei), fotografia e pellicole, acustica, astronomia e telecomunicazioni

– Villa Bertramka – Museo di Mozart e dei Duschek: è un’ssibizione permanente del tempo in cui Mozart, ospite dei Duschek, conduceva musicisti cechi alla villa Bertramka.

– Museo Mucha: racconta vita ed opere di questo pittore art-nouveau franco-ceco. Comprende oltre 100 oggetti in mostra tra dipinti, fotografie, disegni al carboncino, pastelli, litografie e ricordi personali

Curiosità: La leggenda del Ponte Carlo vuole che le numerose statue “protettori di pietra” che si trovano sul ponte abbiano il compito di proteggere i neonati dell’isola Kampa. Sempre secondo la leggenda, nelle mura del ponte San Venceslao infilò la propria spada innalzando questa costruzione a protezione della città.

Secondo un’altra leggenda invece, Praga venne fondata dalla principessa Libuse e da suo marito Premysal, il fondatore della dinastia con il medesimo nome. Anche se la leggenda viene considerata un semplice racconto, il primo nucleo di Praga venne fondato nell’ultima parte del IX secolo come un castello su una collina che controllava la riva destra della Moldava. Questo castello ancora oggi è conosciuto come Vysehard, per differenziarlo dall’altro castello, il futuro Castello di Praga.