Chi pensava che il vino fosse un settore prevalentemente maschile deve ricredersi: oggi nella filiera vitivinicola il ruolo delle donne appare sempre più rilevante. Le donne guidano un terzo delle cantine italiane e il 24% delle imprese commerciali al dettaglio del vino (dati Cribis-Crif). A livello mondiale sono loro a comprare la maggior parte delle bottiglie ed il 40% dei corsisti wine expert Wset (Wine & Spirits Education Trust) sono donne. L’altra notizia arriva dall’Asia, dove le giovani sanno assumendo sempre di più un ruolo da protagonista nel settore.

Per capire la portata del cambiamento basta fare un confronto con i dati del passato: secondo Wset (Wine & Spirits Education Trust) nel 1970 le donne formatesi e diplomatesi nel settore vinicolo erano il 10.6%. Oggi sono il 42.8%. Guardando invece al dato globale delle imprese agricole, fornito da Ismea, oggi le donne ne dirigono circa il 35% e coltivano 43mila ettari di vigna.

Cresce la percentuale di donne nel settore vitivinicolo
Cresce la percentuale di donne nel settore vitivinicolo

L’immagine del vino del terzo millennio appare decisamente femminilizzata grazie al nuovo ruolo delle donne nella produzione, nel commercio e soprattutto nei consumi” afferma Donatella Cinelli Colombini, presidente nazionale Donne del Vino nonchè produttrice di Orcia Doc e di Brunello di Montalcino. “Per 8.000 anni il vino è stato un ambito quasi solo maschile, ma ormai non è più così. La Festa delle Donne del Vino è un evento diffuso che si svolge in tutte le regioni italiane con eventi collettivi e individuali, nelle cantine, nei ristoranti e nelle enoteche delle socie“.

Anche quest anno l’Associazione Nazionale Donne del Vino, che riunisce 800 associate tra produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier e giornaliste per promuovere la cultura del vino e il ruolo delle donne nella filiera vitivinicola organizza un evento diffuso che vedrà protagoniste cantine, enoteche e locali dal 2 al 9 marzo, in tutte le regioni italiane. L’elenco delle iniziative, tutte diverse tra loro ma unite dal tema comune “Donne Vino e Design” è disponibile sul sito nazionale https://www.festadonnedelvino.it/.

Un modo per celebrare l’apporto femminile in questo comparto produttivo, in passato considerato molto più “maschile”. Un evento diffuso che accende i riflettori su quanto di concreto hanno portato le donne nel mondo del vino: una maggiore attenzione al design, al packaging, alle sfumature comunicative ed alle implicazioni relazionali del prodotto. Insomma il tocco femminile sulle bottiglie c’è e si nota. Ecco che allora “Donne vino e design” assume un senso ancora più importante in quanto celebra il mondo dell’estetica del settore al femminile. Una costellazione di eventi: dalle cantine d’autore ai linguaggi alternativi fatti di visite in cantina, performance, conferenze, piccole mostre e spettacoli per valorizzare creatività, rinnovamento, professionalità e passione di un settore dove le donne hanno davvero – e sempre di più! – voce in capitolo.

Evviva le Donne del vino!