Siamo tutti orgogliosi, tutto il governo lo è, ma la cosa più importante è che sono orgogliosi gli italiani. E’ una misura molto complessa, di equità sociale, frutto di un lavoro corale. Abbiamo faticato tanto per lavorare a questa misura“, così il premier Giuseppe Conte alla presentazione del sito e della card sul reddito di cittadinanza. “Mentre noi abbiamo studiato molto per fare questa riforma, saranno altri che ora studieranno la nostra di riforma” ha ribadito Conte. “É una riforma complessa perché è fondata su un patto di lavoro, un patto di formazione e un meccanismo di inclusione sociale. Abbiamo faticato tanto, studiato le riforme simili realizzate in Ue e anche fuori e cercato di far di meglio“, spiega il capo del governo definendo il reddito di cittadinanza “una conquista di civiltà“.

Sul “tutti” c’è molto da obiettare. Per trovare la copertura finanziaria per questo provvedimento si è finiti per gravare su chi produce, con fatica e sudore. 

É stato un grande lavoro di squadra, che continua in queste ore. Oggi teniamo fede a un’altra promessa. Da oggi tutti gli italiani con questo sito potranno conoscere quali documenti e adempimenti compiere per arrivare preparati e accedere al Reddito” spiega il vicepremier Luigi Di Maio alla presentazione del sito e della card sul Reddito e sottolineando come in questo modo ci sarà “uno Stato amico che aiuta nei momenti di difficoltà“. 

Con i soldi di chi caro Ministro? Un Paese al collasso come il nostro non può certo permettersi di alimentare l’assistenzialismo, che da sempre costituisce un tallone d’Achille italiano.

Ecco la prima card del reddito di cittadinanza della storia della Repubblica italiana, è la prima di circa 3 milioni di carte. Quella che vedete è la numero 1“, così il vicepremier Luigi Di Maio ha presentato la card per il reddito di cittadinanza, con cui “si ristabilisce il rapporto di fiducia tra lo Stato e i cittadini“. Lo Stato, ha ribadito, “torna amico dei cittadini” dopo “la batoste pro austerity“. Una carta uguale in tutto e per tutto alla normale card Poste Pay, dello stesso colore giallo, con gli stessi loghi e senza alcun riferimento al reddito di cittadinanza. Tutto per evitare che chi percepisce il beneficio “venga riconosciuto e discriminato“. Così il vicepremier Luigi Di Maio ha presentato la prima carta su cui sarà ‘caricato’ il reddito di cittadinanza da ritirare alle Poste. “Non vogliamo che ci siano discriminazioni, – ha detto – abbiamo lavorato con Poste Pay per fare in modo che sia una card uguale a quelle di Poste Pay“.

Una normale Carta bancaria, del tutto simile ad una ricaricabile. Gialla, simile alla Poste Pay, con i numeri a rilievo e il logo di Poste. Le ultime indiscrezioni raccontano così la nuova Card sulla quale saranno accreditati i fondi del reddito. Sarà assegnata al titolare che richiederà il reddito di cittadinanza, ma non avrà sopra il nome e soprattutto si mimetizzerà con le altre normali carte di credito per rispetto della privacy.

 “Sarà la prima card del reddito di cittadinanza nella storia di questa Repubblica – ha detto il vicepremier Luigi Di Maio – sarà la prima di milioni di card elettroniche che erogheranno il reddito“.

Speriamo sia anche l’ultima.