Quanto accaduto per l’ennesima volta alla radio di Gheri Guido è preoccupante. Viene chiuso l’unico media fuori dal coro dittatoriale rosso ma, a destra,hanno poco da protestare.

Il livello delle trasmissioni di Studio 54 è sempre stato pietosamente basso, mettendo in luce un’opposizione al potere ignorante ai limiti della cafonaggine e portando all’attenzione di alcuni i grandi limiti che affliggono chi non è in linea con lo status quo. 

I politici dell’opposizione avrebbero dovuto prendere le redini della radio ed utilizzarla in maniera oculata elevandone il livello e non permettendo di cascare nel gretto a tutta un’area che ha diritto di divulgare le proprie istanze senza essere tacciata di ignoranza ad ogni sillaba.

L’idea ed i problemi dei cittadini,su scala collettiva, hanno e devono avere la precedenza sui dirittucci della proprietà privata…

Facciano ammenda le personalità di destra che adesso gridano all’abuso!

Raoul Covelli per AdHoc News