-Comunicato stampa- Montichiari (BS), 05 ottobre 2019 –  L’Esercito Italiano partecipa per la prima volta al REAS (Rassegna Emergenza Attrezzature da Soccorso e Sicurezza), fiera leader sul territorio nazionale per il settore emergenza, primo soccorso e antincendio che è stata inaugurata ufficialmente nella mattinata odierna alla presenza, tra gli altri, del Capo Dipartimento della Protezione Civile, Dott. Angelo Borrelli e dei rappresentanti delle massime autorità locali.

L’evento rappresenta un vero e proprio punto di riferimento grazie non solo alla presenza delle principali realtà produttive e commerciali del settore ma anche al forte legame proprio con le Forze Armate. Motivo per cui il “Salone Internazionale dell’Emergenza” richiama ogni anno una media di 25.000 visitatori, molti dei quali volontari attivi nell’ambito di associazioni e organizzazioni del sistema emergenza.

A sottolineare l’importanza del ruolo giocato dall’Esercito nella cooperazione con la protezione Civile, il Comandante delle Truppe Alpine, Generale di Corpo d’Armata Claudio Berto: “Nel portarvi i saluti dell’Esercito intero e delle Truppe Alpine, sono qui a testimoniare il contributo importante che i nostri assetti prontamente impiegabili, presenti soprattutto nei reggimenti genio con la denominazione PU.CA, ovvero Pubblica Calamità, garantiscono in caso di intervento nelle più svariate fasi emergenziali sul nostro territorio”.

 

Un sistema, quello emergenziale, all’interno del quale l’Esercito gioca un ruolo di fondamentale importanza, nelle svariate tipologie di intervento immediato di ogni tipo su tutto il territorio nazionale, grazie non solo alle specifiche professionalità che caratterizzano, in particolare, alcune specialità di Forza Armata, ma anche a specifici automezzi ed attrezzature in dotazione, alcune delle quali sono esposte fino a domenica nei padiglioni del REAS 2019.

In particolare alcuni mezzi in dotazione al 32° reggimento guastatori di Fossano (TO), componente genio della Brigata “Taurinense”, quali l’escavatore cingolato “Komatsu” utilizzato durante l’operazione denominata “Sabina 2”, successiva al sisma che ha colpito l’Abruzzo, il cui scopo era quello di abbattere gli edifici ancora percolanti e rimuovere le macerie al fine di consentire l’avvio della fase di ricostruzione e contestuale graduale ritorno alla normalità, e la “minipala” cingolata “CAMS T985” di estrema versatilità grazie alle ridotte dimensioni ed un peso di “soli” 3200 Kg. che la rendono ideale per operare in spazi ristretti.

Durante la visita tra i padiglioni espositivi, anche il Capo della Protezione Civile Borrelli ha espresso parole di elogio nei confronti delle eccellenze che in questi giorni la Forza Armata ha messo in campo a testimoniare le molteplici capacità di intervento in caso di allertamento, caratteristica “dual use” che vede i militari operare oltre che nelle principali attività operative, anche a stretto contatto con la popolazione civile per garantirne incolumità e sicurezza sul territorio nazionale.

Tra le strutture esposte anche una parte di ponte “Bailey”, storica struttura utilizzata spesso dall’Esercito per garantire il ripristino di tratti di viabilità a cui continuità in corrispondenza di fiumi e torrenti era stata interrotta per l’effetto devastante di eventi idrogeologici eccezionali.

Contributo del Reggimento Logistico “Taurinense”, un VTLM (Veicolo Tattico Leggero Multiruolo) “Lince” in versione ambulanza, 3000 cm3 di cilindrata con una autonomia di 500 Km., ideale per il primo soccorso in zone particolarmente impervie grazie anche alla capacità di percorrenza lungo pendenze del 60%.

Ideale per gli interventi di recupero di personale disperso in aree innevate, il cingolato BV 206, composto di due unità articolate con tutti e quattro i cingoli capaci di trazione, capace di trasportare fino a 17 persone, veicolo in dotazione alle Truppe Alpine spesso utilizzato anche in diversi contesti operativi fuori area oltre che a supporto di operazioni di soccorso in aree montane. Sempre in un contesto emergenziale di alta montagna opera anche il nucleo “meteomont” che svolge, tra l’altro, attività di prevenzione con l’emissione di bollettini valanga. Quello presente in fiera è in forza al Reparto Comando e Supporti Tattici “Tridentina”.

Domani alle ore 14:00 verrà simulato un intervento a soccorso di personale civile rimasto bloccato all’interno di una autovettura precipitata a seguito del crollo di un viadotto. Si tratta di una operazione congiunta tra Esercito, che interverrà con un assetto AVES su elicottero AB 205 e personale altamente specializzato del 3° reggimento alpini di Pinerolo congiuntamente ad una squadra soccorso dell’ANA (Associazione Nazionale Alpini).

 

(Comunicato e immagine a cura di: Comando Militare Esercito Lombardia, SM- Ufficio Reclutamento e Comunicazione, Sezione Pubblica Informazione e Promozione Reclutamento)