Mimmo Lucano a processo. La decisione del gup di Locri, Amelia Monteleone, dopo più di 7 ore di camera di consiglio e quattro giorni di udienza preliminare. Il sindaco di Riace sospeso è stato rinviato a giudizio con gli altri 29 indagati, fra cui la sua compagna Lemlem Tesfahun. La prima udienza è fissata per il prossimo 11 giugno, di fronte ai giudici del Tribunale che dovranno stabilire se davvero il modello Riace nascondesse un vero e proprio sistema criminale. 

A Lucano e agli altri imputati sulla base delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza sono contestati, in base alle diverse posizioni, i reati di associazione per delinquere, truffa con corrispondente danno patrimoniale per lo Stato, abuso d’ufficio, peculato, concussione, frode in pubbliche forniture, falso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Lucano è attualmente sottoposto al provvedimento di divieto di dimora nel comune della Locride, in attesa del pronunciamento del Riesame dopo l’annullamento con rinvio disposto dalla Cassazione.