Di seguito le parole del CEMAT Generale Burkhard per ricordare i 13 militari d’oltralpe caduti in Mali. 

—————————————-

“Lunedì 25 novembre 2019 l’Armée ha perso tredici dei suoi soldati dell’operazione Barkhane durante un’azione contro i gruppi armati terroristici in Mali.

La loro missione era particolarmente difficile, in una notte buia, a sostegno dei commando già in contatto con il nemico. Appartenevano al 5 ° reggimento elicotteri da combattimento, al 4 ° reggimento cacciatori, al 93 ° reggimento  artiglieria da montagna e al 2 ° reggimento straniero del genio.

Mi inchino rispettosamente al loro ultimo impegno. Un tributo nazionale verrà loro tributato lunedì 2 dicembre, presso gli Invalides, il Pantheon dei soldati.

I miei pensieri sono con le loro famiglie, i loro cari e i loro fratelli in armi. Lascia che siano assicurati del sostegno incrollabile dell’Esercito.

Nel Sahel, la determinazione dei nostri uomini rimane integra. Le unità in contatto e quelle che hanno messo al sicuro l’area in cui i nostri compagni hanno perso la vita hanno fatto un lavoro straordinario. L’ho visto quando li ho incontrati a Gao, con il ministro delle forze armate e il capo di stato maggiore delle forze armate.

Anche i nostri quattro reggimenti in lutto affrontano il modo più bello delle famiglie circostanti. L’intera comunità militare francese e tutti i nostri alleati hanno mostrato il loro profondo sostegno. Numerose testimonianze di compassione ci sono state inviate anche dai nostri rappresentanti eletti, industria della difesa e amici dell’esercito di ogni provenienza. Sottolineano la grande stima che i nostri concittadini hanno per noi.

Questo evento brutale ci ricorda la singolarità del nostro impegno e deve rafforzare la nostra determinazione.

È nel pensare ai nostri tredici compagni e a tutti coloro che sono innamorati della Francia che dobbiamo continuare a difendere il nostro paese con lo stesso ardore.

Chiudiamo i ranghi, la missione continua”.

 

Generale Thierry BURKHARD

Chef d’état-major de l’armée de Terre

 

 

(Image, Crédits: Armée de Terre)