Siauliai (Lituania). L’Ungheria assume il comando della Missione di Air Policing lungo i confini più orientali dell’Alleanza.

Le missioni di Air Policing impegnano equipaggi e mezzi 365 giorni all’anno e il coordinamento è affidato agli stati membri, in questo mese l’Ungheria sotto il cui comando i caccia hanno gia effettuato tre decolli su allarme, provocati dallo sforamento dei confini aerei della Nato da parte di velivoli russi.
A guidare la missione è il Brigadier Generale Csaba Ugrik della Hungarian Air Force.