Troppo ignorante per sapere cosa sia il nazismo. E’ la motivazione che ha portato all’assoluzione di Wayne Hennessey, il 32enne portiere gallese del Crystal Palace fotografato col braccio destro in aria e la mano sinistra sulla bocca in una foto postata su Instagram dal compagno di squadra tedesco Max Meyer, dopo la vittoria in Coppa d’Inghilterra sul Grimsby del 5 gennaio scorso.

La Disciplinare della FA ha riconosciuto un “deplorevole grado d’ignoranza” su Adolf Hitler, il regime nazista e il fascismo. Hennessey dal canto suo ha negato l’accusa e ha riferito che ogni somiglianza con il gesto nazista era “assolutamente casuale”.  Hennessey disse “fin dall’inizio” dell’udienza che non sapeva che cosa fosse un saluto nazista. La Commissione ha scritto che, “in effetti, quando è stato interrogato su questo argomento (il nazismo, ndr), il signor Hennessey ha mostrato un considerevole grado d’ignoranza – si potrebbe anche dire deplorevole – su qualsiasi cosa abbia a che fare con Hitler, il fascismo e il regime nazista”.

Il mondo del calcio e l’ignoranza purtroppo vanno sempre più a braccetto, i libri sono poco attraenti. Non rotolano.