Sabato 8 dicembre, nel giorno dell’Immacolata Concezione, è stata inaugurata la mostra “Bertini. De rerum pictura” a cura scientifica di Giovanna M. Carli.

Andrea Migliorini, Roberto (don) Bartolini, Giovanna M. Carli, Marcello Bertini, S.E. Cardinal Ernest Simoni, Giovangualberto Basetti Sani, Vieri Lascialfari, Alessandro Migliorini

La Cerimonia ha avuto luogo nel nobile Oratorio della Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze quando è stata inaugurata la mostra, riguardante la raffigurazione dipinta dei Luoghi della Fede di Montespertoli, realizzata dall’artista Marcello Bertini.

L’artista, la curatrice, il Provveditore della Misericordia di Firenze e il Signor Comandante della Stazione Uffizi, il Luogotenente Calogero Tropea e il Signor Comandante della Polizia municipale Montespertoli e Certaldo, Dottor Alessandro Migliorini

Un’eccezionale esposizione alla Misericordia di Firenze, la madre di tutte le Misericordie di Italia, fondata nel lontano 1244, proprio nella piazza del Duomo. Sono esposte oltre trenta opere d’arte, scelte in un novero di cento venti, pensate, composte e realizzate in dieci anni, tra studi, schizzi e disegni, dall’artista su vari supporti come tela e tavola.

Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Ernest Simoni

L’inaugurazione ha avuto inizio con un solenne momento di preghiera guidato da Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Ernest Simoni al quale, nel solenne tempio, ha partecipato anche il Signor Provveditore, il dottor Giovangualberto Basetti Sani.

Il Presule dopo la lettura del Vangelo del giorno dell’Immacolata Concezione, proclamato da Padre Umberto Ruffino, assistente spirituale della Misericordia di Firenze, ha esortato tutti i presenti a riscoprire la purezza e la limpidezza della Fede appartenente ai nostri Padri, prendendo spunto dalle tante opere di carità che, durante le vicissitudini del tempo, hanno visto il loro compimento all’ombra dell’augusto campanile di Giotto dove è custodito il sodalizio di carità presso la Misericordia di Firenze.

Il momento della donazione del dipinto

Di seguito il Signor Provveditore ha salutato con deferenza il Cardinal Simoni, ormai da mesi fratello dell’Arciconfraternita il quale, accettando questa investitura, ha onorato tutta l’Istituzione poiché uomo autentico che ha vissuto il calvario in terra nei trenta anni tra prigionia e lavori forzati all’ombra della Croce di Cristo.

Sua Eminenza reverendissima ha poi proceduto alla benedizione dei locali della Misericordia dove è allestita la mostra.

Il Maestro Bertini, prendendo la parola, ha ricordato che le opere d’arte che andava ad esporre non possono essere rappresentate in Albania, terra natale del Signor Cardinale, perché la furia demoniaca del regime scellerato ha raso al suolo tutto ciò che era fede e religione, imprigionando tutti i Ministri del culto tra cui anche Don Ernest Simoni che per quasi 30 anni ha subito prigionia, lavori forzati e angherie di ogni genere ma che, ha dichiarato, “non ho mai odiato i miei torturatori”.

La donazione del dipinto alla Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze, piazza Duomo

Sua Santità, Papa Francesco il 21 settembre 2014 a Tirana, ha abbracciato don Ernest Simoni Troshani, che aveva appena raccontato il martirio della Chiesa sotto la dittatura comunista. Proprio da quelle lacrime di spontanea commozione è nato il libro Don Ernest Simoni.

Dai lavori forzati all’incontro con Francesco scritto dall’unico sacerdote, ancora vivente, testimone della persecuzione del regime di Enver Hoxha, che ha proclamato l’Albania il «primo Stato ateo al mondo».

“Non spetta a me descrivere e raccontare – ha continuato l’artista – le centinaia di anni di questa Arci venerabile Confraternita della Misericordia di Firenze. Pertanto Signor Provveditore, dott. Giovangualberto Basetti Sani, La saluto con deferenza e ossequi sapendo ciò che Lei, dott. Basetti Sani rappresenta, ovvero la successione di tanti uomini che nei cambiamenti, nei secoli e nella storia hanno governato con carità per custodire questa istituzione”.

Bertini ha poi citato Giorgio La Pira, il servo di Dio, indimenticato Sindaco della Città di Firenze. “Giovedì varcando gli stipiti di questa augusta compagnia – ha sottolineato Bertini – che ha sempre raccolto fratelli e sorelle di ogni estrazione sociale, di ogni religione ho fatto mie le parole profetiche del servo di Dio Giorgio La Pira, il sindaco santo di questa splendida FLORENTIA. TOLGO LA POLVERE DAI MIEI CALZARI E CON LA CENERE PENITENZIALE OGGI in questa solennità dedicata alla Madonna Immacolata espongo le mie opere d’arte”.

La maestra di pianoforte Maria Rosaria Donadio dalla storica cantoria, seduta all’organo del 1846 realizzato da Serafino Paoli, ha suonato arie di Bach e, infine, il Salve Regina in latino intonato da Sua Eminenza Reverendissima Simoni e dal Cavalier Vieri Lascialfari.

L’artista, Alessio Mugnaini, Stefano Nigi

L’edizione fiorentina di De rerum pictura ha il patrocinio dell’Arcidiocesi di Firenze, della Presidenza del Consiglio regionale della Toscana, dei Comuni di Firenze, Lastra a Signa, Montespertoli, Banca Cambiano, Coop Montespertoli, Borgo Divino.

Marcello Bertini, coadiuvato dalle sue assistenti, Chiara Freschi e Monica Stellini, ha donato il dipinto raffigurante la Pieve di San Piero in Mercato, commentato da Don Roberto Bartolini, parroco dell’antica Pieve e di Sant’Andrea a Montespertoli, promotore dell’intero progetto De rerum pictura, inaugurato il 9 giugno 2018, ricordando come Don Milani sia stato battezzato proprio a Montespertoli e come questa terra sia ricca di storia spirituale. Bertini ha poi omaggiato la Misericordia di Firenze, e con tavole dipinte gli illustri ospiti presenti: Sindaco di Lastra a Signa, la dottoressa Angela Bagni, il Vice sindaco di Montespertoli, dottor Alessio Mugnaini, il Proposto di San Piero in Mercato e di Sant’Andrea a Montespertoli, Don Roberto Bartolini, il Signor Comandante della Stazione Uffizi, il Luogotenente Calogero Tropea e il Signor Comandante della Polizia municipale Montespertoli e Certaldo, Dottor Alessandro Migliorini e il signor Enrico Santini, Capo di guardia e responsabile del Museo della Misericordia di Firenze.

Presenti anche Andrea Migliorini, storico dei luoghi della Fede di Montespertoli, Franco Bargellini, Presidente dell’Associazione Noi Che e Benedetta Rigacci, Presidente della Pro Loco di Montespertoli. Anche Debora Pellegrinotti, la giornalista e direttrice di importanti testate giornalistiche è stata ringraziata.

I Signori Panconesi di Tenuta Moriano

La famiglia dottori in enologia, famosi per la produzione di vino, presso la Tenuta di Maiano, Borgo Divino, i signori Nigi e la famiglia Panconesi, Tenuta di Moriano, sono stati altresì ringraziati per l’impegno profuso nel sostenere un progetto così importante.

Una rappresentanza delle Associazioni Noi che…e della Pro Loco di Montespertoli, Firenze

Marcello Bertini ha poi sottolineato l’importanza di avere avuto, in questa edizione fiorentina, la presenza e l’aiuto prezioso e costante del Cavaliere Vieri Lascialfari, segretario di Sua Eminenza Reverendissima Ernest Simoni, Direttore artistico e organizzativo, ideatore anche della straordinaria cover, e la dottoressa Giovanna M. Carli, collaboratrice strettissima del professor Antonio Paolucci, già direttore dei Musei Vaticani, e direttrice scientifica dell’intero progetto.
La mostra si concluderà nella solennità dell’Epifania del Signore.

Bertini. De rerum pictura
“Poesia e colore di un luogo senza tempo”
Mostra e catalogo a cura di Giovanna M. Carli
Edito dal Masso delle Fate Edizioni

L’edizione fiorentina di De rerum pictura ha il patrocinio dell’Arcidiocesi di Firenze, della Presidenza del Consiglio regionale della Toscana, dei Comuni di Firenze, Lastra a Signa, Montespertoli, Banca Cambiano, Coop Montespertoli, Borgo Divino.

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze
Piazza del Duomo, 19/20 – Firenze

Orari di apertura: feriali e festivi 10.00-18.00
Dall’8 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019
info@misericordia.firenze.it
Giovanna.Carli@pec.giornalistitoscana.it
www.marcellobertini.it

Video realizzato con la regia di Vieri Lascialfari

 

Giovanna M. Carli, storica dell’arte, critica e giornalista pubblicista, è nata a Pisa, dove si è laureata cum laude in Lettere moderne con indirizzo storico-artistico. Vive sulle colline di Firenze, città in cui ha conseguito la specializzazione in Storia dell’arte col massimo dei voti e dove si è diplomata in archivistica, paleografia e diplomatica all’Archivio di Stato. Si è formata con Antonio Paolucci, Dora Liscia Bemporad, Mina Gregori, Antonio Pinelli  e ha collaborato e collabora con la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e col Consiglio regionale della Toscana per progetti artistico-culturali nonché con Enti pubblici e Fondazioni sia in Italia che all'estero. Ha curato la trilogia di volumi Opere donate al Consiglio regionale della Toscana, e numerose mostre tra cui ricordiamo La camicia dei Mille: opere d’arte per Garibaldi nel bicentenario della nascita / The Red Shirt of the Mille: Works of Art for Garibaldi on the Bicentenary of his Birth, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica italiana. Ha all’attivo numerosi saggi e monografie d’arte ed oltre cento mostre. Ha poi contribuito a fondare la prestigiosa pinacoteca del Palazzo Pegaso, a Firenze. Ha collaborato con vari artisti, tra cui ricordiamo Igor Mitoraj, Giuliano Vangi, Antonio Possenti, Nano Campeggi, Jean-Michel Folon in mostre e progetti culturali di respiro internazionale.