Fratelli d’Italia sceglie Firenze per l’iniziativa “Più Italia. Più Famiglia”, organizzata in vista del Congresso Mondiale della Famiglia, che si svolgerà a Verona nell’ultimo fine settimana di marzo, ma anche in vista delle prossime elezioni europee.

Sul palco del Convitto della Calza si sono alternati dirigenti ed eletti di Fratelli d’Italia, ma anche esponenti di associazioni e forum che si sono confrontati sui temi della difesa della famiglia e della natalità.

Al termine della mattinata, l’intervento di Giorgia Meloni che non ha risparmiato stoccate alla sinistra – “si battono tanto per le donne, vogliono le quote rosa dappertutto, ma mi risulta che l’unico partito italiano guidato da una donna sia di destra” – al Movimento 5 Stelle – “il reddito di cittadinanza favorisce i single rispetto alle famiglie numerose: se i cinquestelle, invece di starnazzare cose senza senso, si occupassero di aiutare le donne che vogliono poter lavorare senza rinunciare ad essere madri, sarebbero più credibili” – ma anche agli alleati leghisti: “quando parli di valori non negoziabili, ma poi ti allei con un’altra forza politica, ci firmi assieme un contratto dove di quei valori non c’è traccia, significa che li hai negoziati eccome”.

La leader di Fratelli d’Italia ha attaccato duramente il governo Conte sul tema della famiglia: “sui temi della difesa dei valori della famiglia, purtroppo, il governo non è molto presente; anzi, devo dire che le iniziative a sostegno della natalità, della famiglia, della conciliazione fra tempi di vita e tempi di lavoro, sono assolutamente assenti nelle azioni di governo”. Poi ha puntato il dito sulle prossime elezioni europee: “le battaglie per la famiglia e la natalità intendiamo portarle in Europa, poiché l’altra grande assente su questi temi è proprio l’Unione Europea. Fino ad oggi, in Europa vi erano soltanto due posizioni: quella di chi è rassegnato a scomparire, visto che tutti i paesi dell’unione hanno il saldo tra nascite e morti in negativo, e quella di che vorrebbe sostituire gli europei con gli immigrati. Noi invece, voglia che, assieme al programma Erasmus, insieme ai programmi che aiutano la ricerca scientifica, l’Europa dia vita ad un programma che aiuti la natalità attraverso l’investimento di fondi, che esistono, ma che ad oggi non sono utilizzati”.

Tra gli interventi degli ospiti, particolarmente apprezzato quello del Professor Renzo Puccetti – medico e presidente dell’associazione “Vita” – e quello di Massimo Gandolfini – portavoce del Family Day – che ha ufficializzato dal palco fiorentino l’endorsment al partito di Giorgia Meloni: “inviterò pubblicamente a sostenere i candidati di Fratelli d’Italia vicini alle tematiche della famiglia, in tutti i collegi elettorali alle prossime elezioni europee”.

Un colpo di notevole importanza per il partito di Giorgia Meloni che, proprio il giorno prima, sempre al Convitto della Calza, ma durante l’assemblea nazionale di Fratelli d’Italia, aveva annunciato di avere come obiettivo per le prossime elezioni, quello di diventare la seconda forza del centrodestra. Forza Italia è avvertita.