Un membro locale del Partito Democratico Cristiano, Walter Libke, è stato assassinato nella sua casa di Kassel, con una sfera in testa, ha detto oggi la polizia tedesca.

“Stiamo cercando l’autore del crimine” ha annunciato in una conferenza stampa l’avvocato generale Horst Straigh. L’arma con cui Walter Libke è stato colpito non è stata trovata sulla scena del crimine.

Liebke, 65 anni e presidente della regione di Kassel, è stato trovato morto, in un lago di sangue, tra sabato notte a domenica mattina sulla terrazza di casa sua, nel sobborgo di Wolffhausen. 

Secondo la polizia, è stato colpito a colpi di pistola.

“Non abbiamo ancora ricevuto informazioni sui perpetratori e, soprattutto, non sappiamo nulla del movente”, ha detto ai giornalisti Zambine Tiraou, il direttore della polizia giudiziaria locale. “Stiamo investigando in qualsiasi direzione e non escludiamo alcuna motivazione, politica o meno” ha aggiunto.

Liebk era un membro della CDU, diresse il Consiglio regionale di Kassel per un decennio e fu anche eletto membro del parlamento dell’Assia locale.

Nel mese di ottobre 2015, a seguito della decisione del cancelliere Angela Merkel di aprire i confini della Germania per centinaia di migliaia di profughi dalla Siria e Iraq, ha difeso i diritti di queste persone, provocando la rabbia dell’estrema destra. “Dobbiamo difendere i nostri valori. E chi non rappresenta questi valori possono lasciare il paese in qualsiasi momento se non sono d’accordo. Ogni tedesco è libero di farlo”, aveva detto ad una manifestazione politica.

Oggi molti tedeschi sono usciti dal suo ufficio a Kassel per accendere una candela e lasciare un messaggio di condoglianze.