Conte mette le tende; ristrutturato l’appartamento a Palazzo Chigi.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è incredibilmente ottimista sul futuro di questo governo in apnea. Così fiducioso che la disfunzionale maggioranza giallorossa possa durare a lungo che avrebbe deciso di ristrutturare l’appartamento al terzo piano di Palazzo Chigi destinato al premier.

Un preventivo dei lavori è stato messo nero su bianco lo scorso 25 ottobre mentre il contratto per la loro realizzazione tra la Presidenza del Consiglio e Romeo Gestioniè stato firmato pochi giorni dopo, il 5 novembre. Immediatamente sono partite le operazioni di ristrutturazione.

Il motivo dell’avvio di questa opera non è ancora chiaro. Non si sa se il premier abbia deciso di andare a vivere in maniera stabile a Palazzo Chigi. Lo staff del premier ha precisato che gli interventi nell’appartamento erano stati decisi da tempo e non da Conte. 

I documenti della Presidenza del Consiglio, però, raccontano che il tutto è avvenuto di recente. Parlando con Il Tempo, gli staff dei predecessori di Conte hanno peraltro smentito di aver mai autorizzato una ristrutturazione del genere. L’ex premier Gentiloni non ha quasi mai messo piede nell’appartamento in questione mentre Renzi ha sì abitato nell’appartamento ma non avrebbe compiuto nessuno intervento tanto che avrebbe acquistato a spese sue, giusto un divano letto.

I lavori sono costati quasi 23 mila euro, iva compresa. È stata installata una porta blindata dotata di “occhio magico” nel corridoio del terzo piano, accanto all’ascensore 1. Sono state realizzate anche alcune pareti divisorie in lastre di cartongesso e una tramezzatura rinforzata nel corridoio.

Sono stati sostituiti i vecchi sistemi di chiusura delle stanze 301, 302, 303, 304, 305, 338, 364 e 364d che ora hanno nuovi cilindri di tipo “europeo”. Non manca l’impianto antifurto e antintrusione, non si sa a cosa possa servire visto che siamo all’interno di Palazzo Chigi, con impianti tv a circuito chiuso e telecamera a colori ad alta risoluzione.

Nuovi anche gli impianti idro-sanitari mentre sono stati messi gli attacchi per lavatrice, asciugatrice e lavapiatti. Il pezzo pregiato è la cabina doccia in metacrilato con base in acciaio galvanizzato, fondo antiscivolo, cristalli temperati di sicurezza scorrevoli e tettuccio trasparente apribile, 8 idrogetti regolabili ad effetto massaggiante ad azione alternata, posti in verticale sulla parete attrezzata, a 4 idrogetti dorsali, rubinetteria con miscelatore monocomando, asta, doccetta con getto regolabile, deviatore di selezione, sedile, specchio e vano portaoggetti, compresa elettropompa e serbatoi per getto costante”.

Sono anche stati eseguiti altri lavori, tra cui la ritinteggiatura delle mura.

Totale, iva inclusa, 22.950,13 euro; se finisce l’incarico di governo smontiamo tutto?

Leggi anche: https://www.adhocnews.it/pignoramenti-salvini-durissimo-contro-lo-stato-di-polizia-fiscale-roba-da-urss-fermiamo-questi-matti/

Conte

Equo canone 

.