Ora il dittatore è Salvini, o forse Di Maio, anzi meglio Casaleggio. Fino a sei mesi fa il dittatore era un eurocrate o qualche suo concessionario di zona, che peraltro incombono minacciosi all’orizzonte. Chiunque è all’opposizione, ormai da tanti anni, denuncia il pericolo imminente di una dittatura in Italia. E lo denuncia nonostante dal ’94 in poi, cioè dall’avvento della seconda repubblica a oggi, ogni governo uscente è stato bocciato alle elezioni, in perfetta alternanza. Un tempo il dittatore in pectore era Berlusconi, poi un mezzo golpe bianco spodestò Berlusconi e dittatura fu la sequela di governi senza legittimazione democratica. Dall’opposizione Grillo tuonò contro la dittatura di Renzi che comandava su tutte le ruote e molti vedevano nel suo bullismo qualcosa del tirannello. Ritorna ora l’ombra del dittatore, anche per bocca dello stesso Berlusconi che denuncia il regime illiberale dei grillini.

Ma da una vita la Sinistra denuncia il pericolo del fascismo e del nazismo alle porte, che è poi la riedizione dell’eterno grido d’allarme della reazione in agguato che serviva ai regimi comunisti per sopprimere i dissidenti. L’antifascismo è diventato una preghiera quotidiana che sfida il ridicolo e la realtà e serve a chiamare alla “vigilanza” democratica contro l’orco che verrà.

Ci siamo così abituati alla denuncia del dittatore in arrivo che ormai conviviamo serenamente con dittature presunte, presenti e future. Ma c’è una particolarità che rende il discorso – già in sé surreale – ancora più assurdo e grottesco: se si facesse un referendum popolare con la macchina della verità, la dittatura vincerebbe a larga maggioranza. Democraticamente. Liberamente. Paradossalmente. È lui l’animale che mi porto dentro, per dirla con Franco Battiato e Francesco Piccolo; in me, in te, in lui, in loro. Il dittatore.

Loro denunciano il pericolo di una dittatura, e lo vedono nei quattro cantoni della nostra democrazia: tra i populisti o tra gli oligarchisti, tra i sovranisti o tra i globalisti; a sinistra, a destra, sotto e sopra. Ma serpeggia e non da oggi tra la gente un desiderio indecente di dittatura. E’ il desiderio di decisioni rapide, nette, radicali. La voglia di semplificare e finalmente risolvere i problemi annosi, risanare, bonificare, compiere opere pubbliche in poco tempo, fronteggiare gli eurarchi di sopra e i migranti di sotto, ma anche i corrotti di dentro e le carogne di fuori. Un desiderio a 360 gradi, anzi a 370 per dirla con la scienzata grillina. C’è bisogno di decisioni rapide, efficaci, nette, e invece si impantanano nei veti incrociati, nei compromessi al ribasso, nelle spinte opposte che si neutralizzano a vicenda producendo somma zero. Il risultato è l’inerzia o al più l’inezia, il topolino, dopo aver annunciato la montagna. Oppure si rimanda a domani, non per senso di responsabilità ma per paura di perdere oggi il proprio ruolo. Meglio galleggiare. Accadeva nella prima repubblica, poi nella seconda, e accade ancora nella cosiddetta terza repubblica col contratto senza alleanza tra grillini e leghisti che tirano in direzioni opposte. E si uniscono solo davanti al Nemico che vuole espropriarli del mandato ricevuto.

D’altra parte nel mondo Putin, Trump, Xi, Erdogan, Bolsonaro e via via scendendo, suggeriscono che un decisore, se non un dittatore, un autocrate, ci vuole per governare il caos. Magari a tempo, come i dittatori d’epoca romana, con mandato circoscritto e controllo.

Serpeggia la dittatura delle virtù, di giacobina memoria, tra i grillini, col loro desiderio di spazzare via classi dirigenti, la stampa allergica, i poteri consolidati e tutti coloro che sono sospettati di essere Corrotti. Ma serpeggia la dittatura del politicamente corretto a sinistra, con la loro arroganza e il loro disprezzo del popolo volgare e del suo voto; un potere che raddrizzi il popolo e lo rieduchi a suon di precetti, prescrizioni e proscrizioni. Serpeggia il desiderio dell’Uomo forte a destra, con Salvini e oltre, uno che possa far funzionare un paese che non funziona, metterlo in sicurezza e decidere senza eternamente mediare.

E serpeggia, inutile nasconderlo, anche tra i tecnici e gli eurotutori, che vorrebbero i paesi sotto tutela e sotto schiaffo, in un regime tecno-finanziario in cui il voto non conta, il dogma è l’Euro, il peccato originale è il Debito sovrano, il paradiso è il Pareggio di Bilancio.

Però il desiderio del dittatore è maggioritario anche tra i cittadini sfusi e perfino astensionisti, ovvero tra la gente senza targa e senza appartenenza, che non va a votare per sfiducia generale. Ma con queste premesse perché poi la Dittatura resta solo un desiderio frustrato, una specie di Godot beckettiano, un’evocazione dei Tartari di Buzzati? Perché la dittatura che voglio io non è quella che vuoi tu. La dittatura del vicino è sempre più brutta. È sul come farla, a chi affidarla, che poi ci dividiamo. Alla fine non chiediamo a gran voce la dittatura non solo perché ce ne vergogniamo o vogliamo che a dirlo sia prima qualcun altro, e poi se non ci sono reazioni ostili, ci accodiamo. Ma perché arriva sempre la dittatura degli altri, mai quella che vorremmo noi. E tanta è la paura che diventi una dittatura contro i nostri interessi, i nostri comodi, che alla fine ripieghiamo sull’inconcludente democrazia, dove i danni sono vasti e assicurati ma gli errori, pur gravi e molteplici, sono più spalmati e non sono irreparabili…

Il guaio dei dittatori invocati o paventati è che tu li aspetti da una parte, e invece ti sbucano sempre dalla parte opposta. Alle tue spalle.

MV, Panorama n. 50 201

PrecedenteAeronautica Militare: neonata salva grazie ai piloti del 31° Stormo
SeguenteTritatutto Juve. Che Bagarre in coda!
Giornalista, scrittore, filosofo. E' nato a Bisceglie e vive tra Roma e Talamone. Proviene da studi filosofici. Ha fondato e diretto riviste, ha scritto su vari quotidiani e settimanali. È stato commentatore della Rai. Si è occupato di filosofia politica scrivendo vari saggi tra i quali La rivoluzione conservatrice in Italia, Processo all’Occidente, Comunitari o liberal, Di Padre in figlio, Elogio della Tradizione, La cultura della destra e La sconfitta delle idee (editi da Laterza), I vinti, Rovesciare il 68, Dio, Patria e Famiglia, Dopo il declino (editi da Mondadori), Lettere agli italiani. È poi passato a temi esistenziali pubblicando saggi filosofici e letterari come Vita natural durante dedicato a Plotino e La sposa invisibile, e ancora con Mondadori Il segreto del viandante e Amor fati, Vivere non basta, Anima e corpo e Ritorno a sud. Dopo Lettera agli italiani (2015) ha pubblicato di recente Alla luce del Mito e Imperdonabili, tutti con Marsilio, e Tramonti (Giubilei Regnani).